mercoledì 23 marzo 2011

Ornella Vanoni - The Phoenix Love Theme (1966) & Silvana - Madre (1974)


Questo è uno dei dischi più rari che esistono al mondo. Più facile a trovarsi la versione con copertina forata. SENZA FINE è cantata in inglese per la colonna del film "The Flight of the Phoenix", un film con James Stewart, Richard Attenborough e Peter Finch. La versione strumentale fu incisa con grande successo dai The Brass Ring, che ricalcavano un pò il genere lanciato da Herb Alpert & Tijuana Brass.

Il secondo disco è una cover di un brano del 1963: BE MY BABY, inciso in originale dalle Ronettes e rilanciata in Italia da Peppino Di Capri col titolo di BABY.
Nel 1974, in periodo di riflusso musicale, Silvana dei Circus 2000, la usa come lato B del disco MADRE, canzone che come stile musicale sembrerebbe ricalcare molto la Mia Martini dello stesso periodo.
Di Silvana Aliotta s'è occupato il Negozio di Euterpe qualche giorno fa.


ORNELLA VANONI
01 Senza Fine (G.Paoli)(1961)
02 The Phoenix Love Theme (Senza Fine) (G.Paoli) (1966)
SILVANA
01 Madre (Daiano-Ronzullo-Janne) (5-1974)
02 Baby (Be My Baby) (Evangelisti-Lepore-Barry-Spector-Greenwich) (5-1974)

9 commenti:

tortlo ha detto...

Stupenda copertina mai vista della Vanoni. Post da commozione. Grazie Vampiro, anche per i DaDaDain Musica di questa stagione, tutti da gustare e godere. Si vede che dietro il lavoro d'archivio c'è davvero.

Anonimo ha detto...

Bellissimo post due singoli che ci riportano in atmosfere ed epoche diverse ma con grandissima qualita'.Su Ornella inutile dire parole se non che e' stato emozionante ascoltarla qui.Verissimo quanto dice il Vampiro riguardo il brano "Madre " sembra che da un momento all'altro ti spunti la mia adorata Mimi'.Aggiungo una sola parola ma che vale piu' di ogni altra.Grazie.Ciao Michele

Andrea Pis ha detto...

Bellissima la copertina della Vanoni, se non altro per la rarità. non si finisce mai di imparare...:-)

Carmelo Pugliatti ha detto...

In tempi recenti una versione tutto sommato interessante di "Senza fine" fu eseguita dalla cantante Americana Monica Mancini per il (brutto) film "The ghost ship".

FABRIZIO ha detto...

...fai bene a ricordarci gli appuntamenti con DA DA DA, che purtroppo a volte mi perdo. Non sarebbe male se nel sito rai ci fosse la possibilità di rivedere le puntate passate...
Interessante questa rarità della Vanoni ma anche il singolo della Aliotta, che purtroppo ho 'scoperto' troppo tardi...ai tempi de Le Streghe.
Grazie.
Ciao
Fa

b13ne ha detto...

Fa sempre piacere rivedere un'immagine della Vanoni in epoca pre-UFO, cioè com'è ridotta ora dopo botulini vari, e si rimpainge il fascino perduto di una donna che ne aveva tanto da dilapidarlo poi per i ritocchi.

Invece Silvana Aliotta ha avuto una carriera composita, è un peccato che la si scopra ora e che al momento giusto non sia riuscita ad emergere di più.

vda ha detto...

il singolo della Vanoni l'ho sempre visto con la copertina forata della Monument...è stata una vera sorpresa!!!

innocet ha detto...

mitica versione, grazie mille!

beppe ha detto...

purtroppo ho solo la versione con copertina senza foto.