lunedì 7 marzo 2011

Poker A 45 Giri: Le Sorelle Bandiera / Fiammetta Flamini & Tony Binarelli / Enrico Montesano / Nino Manfredi


"La prima cosa che salta all'occhio è il titolo del post: va bene per la Sorelle Bandiera, ma il Poker a 45 giri, dov'è?"

E il giorno dopo, come promesso, ecco il poker a 45 giri.
La cosa più bella di pubblicare su un blog è il poter fare e disfare a tuo piacimento
le pagine senza segno di cancellatura o spreco di carta.

LE SORELLE BANDIERA - FATTI PIU' IN LA'(1978)
Ad inciderlo, il trio formato da Mauro Bronchi, Tito Leduc e Neil Hansen.
In realtà a cantare non erano le Sorelle Bandiera ma tre vere donne ossia le Baba Yaga. Sigla de L'ALTRA DOMENICA, anche se non vendette in quantità industriale, credo proprio la conoscessero tutti.
Vuoi un pò per la peculiarità degli interpeti, vuoi per l'orecchiabilità della canzone.
FIAMMETTA FLAMINI E TONY BINARELLI - TIKI TIKI (1979)
La trasmissione proprio non la ricordo. Sarà perchè a me i maghi non sono mai piaciuti o meglio non mi hanno mai divertito.
Che interesse ci può essere a vedere un tizio che fa delle cose che dovrebbero essere "magiche" ma che poi non le sono?
Se c'è il trucco, non mi diverte più e mi sento preso in giro.
E poi, diciamo la verità, i maghi sono noiosi.
Mi dispiace per Silvan che è un mago elegante anche nei modi. Il contrario di Tony Binarelli che ha una voce ed una cadenza da borgataro. Anche l'abbigliamento alla Tony Manero de noantri non scherza.
TIKI TIKI è la sigla di CON UN COLPO DI BACCHETTA e Fiammetta Flamini, credo, un ex valletta di Corrado. Nel coro c'è anche il fratello del Vampiro che all'epoca aveva otto anni.
"I Nostri Figli", il coro diretto da Nora Orlandi era composto da bambini mostri, ossia degli stakanovisti del canto. Cantavano dappertutto: capaci di farsi tutte i congressi di partito esistenti intonando BIANCO FIORE o L'INTERNAZIONALE e poi fiondarsi in sala d'incisione per 5 o 6 ore.
Ma si divertivano e guadagnavano. Cosa si vuole di più?
ENRICO MONTESANO - 'N'SAI CHE PACCHIA! (1982)
IL CONTE TACCHIA così come IL MARCHESE DEL GRILLO l'anno prima e ER PIU' di Celentano nel '71 sono legati dall'essere ambientati nella Roma di fine ottocento-primi del novecento (ne IL CONTE TACCHIA). Una Roma popolana nonostante l'aristocrazia di alcuni personaggi, come lo stesso Sordi protagonista de IL MARCHESE DEL GRILLO o il Gassman del CONTE TACCHIA.
Il film di Celentano e quello di Montesano hanno in comune anche lo stesso regista che è Sergio Corbucci.
'N'SAI CHE PACCHIA è una canzone con un arrangiamento che si addice perfettamente al periodo in cui si muovono i protagonisti del film, musicato da Armando Trovajoli.
NINO MANFREDI - CHE BELLO STA' CO' TE (1983)
Un'occasione sprecata: nomi importanti per un brano banale e scialbo.
Luciano Rossi è un grandissimo autore che non ha raccolto quanto meritava. Penalizzato da un personale un pò anonimo, qui sembra al di sotto delle sue possibilità effettive.
Nino Manfredi insiste nel suo secondo mestiere, quello del cantante, nonostante il successo discografico non si sia mai più riaffacciato dopo il boom di TANTO PE' CANTA' (se si esclude l'exploit di TARZAN LO FA nel 1978).
Il retro, attribuito allo stesso Manfredi, è invece un brano strumentale che avrà avuto in origine anche un testo dato che a firmarlo sono sia Gaio Chiocchio che Luciano Rossi. Brano facente parte della colonna sonora di QUESTO E QUELLO.

LE SORELLE BANDIERA
01 Fatti Più In Là (Arbore-Cashin-Conrado) (12-1978)
02 No Io Non Ci Sto (Arbore-Cashin) (12-1978)
FIAMMETTA FLAMINI & TONY BINARELLI
01 Fiammetta Flamini - Tiki Tiki (Binarelli-Trecca) (10-1979)
02 Tony Binarelli - Con Un Colpo Di Bacchetta (Binarelli-Trecca) (10-1979)
ENRICO MONTESANO
01 'N' Sai Che Pacchia (Corbucci-Montesano-Trovajoli) (12-1982)
02 Dimme Te...che Me Doveva Capità (I.Fiastri-A.Trovajoli) (12-1982)
NINO MANFREDI
01 Che Bello Stà Cò Te (Luciano Rossi- Nino Manfredi-Luciano Rossi) (1983)
02 Gaio Chiocco - Per Daniela (Adagio) (Chiocco-L.Rossi) (1983)

11 commenti:

ATTILIO ha detto...

Pur essendo delle drag queens ante litteram, le Sorelle Bandiera non erano affatto volgari ma molto simpatiche tanto da piacere anche ai bambini. Io stravedevo per Tito Leduc, il più vecchio e credo scomparso qualche anno fa, che con le sue smorfie mi faceva morire dal ridere. Non sapevo che la voce delle canzoni non era la loro, ma questo poco conta. Molti complessi per il passato si sono fatti prestare la voce da coristi o misconosciuti.
Credo anche i più quotati Boney M.

Anonimo ha detto...

scusa Verdier (anch'io da giovane leggevo i fumetti di Jacula e sono quindi a conoscenza della provenienza tuo nick)ma la musica che posti e' downlodabile per un ascolto casalingo oppure no?
grazie
Fab

lounge60 ha detto...

"In realtà a cantare non erano le Sorelle Bandiera ma tre vere donne ossia le Baba Yaga".

No! questo non lo sapevo propio; ho sempre creduto fossero loro a cantare.
Erano delle creature di Arbore,a metà strada tra le Andrew sisters ,il trio Lescano e le "ambigue" di fine anni 70,come Amanda Lear.
Le Sorelle Bandiera fecero anche un film,mi pare si chiamasse "l'importante è non farsi notare",o qualcosa del genere.

"TIKI TIKI è la sigla di CON UN COLPO DI BACCHETTA".

Mi pare di averne un vago ricordo.
Binarelli non è mai piaciuto neanche a me... pare un biscazziere.
Da bambino mi piaceva Silvan (ricordo quando tagliò a metà Raffaella Carrà!!).
Avevo anche il suo gioco da tavolo,con tanto di bacchetta magica,carte da gioco e corda truccata.
In anni successivi mi pareva garbato anche Alexander (chi lo ricorda)?


"IL CONTE TACCHIA così come IL MARCHESE DEL GRILLO l'anno prima e ER PIU' di Celentano nel '71 sono legati dall'essere ambientati nella Roma di fine ottocento-primi del novecento".

Filmetto carino,girato sull'onda del successo del Marchese del Grillo.
Dentro però ci sono fior d'attori.
Oltre Montesano (che non sarà Laurence Olivier,ma il suo mestiere lo sa)c'era uno strepitoso Vittorio Gassman nei panni di un aristocratico Romano di stirpe tanto antica da essere Repubblicano convinto per snobismo:("Er nonno der nonno der nonno der nonno der Re che era? Un Pecoraro")!
C'erano poi Paolo Panelli,e Giuseppe Pambieri.
Ricordo ancora quando Montesano andò a presentarlo da Baudo a "Domenica Inn".

"NINO MANFREDI - CHE BELLO STA' CO' TE (1983)
Un'occasione sprecata: nomi importanti per un brano banale e scialbo".

Non me lo ricordo per niente.
Il Manfredi degli anni 80 mi fa pensare alla pubblicità del caffè,con Natalina e Gegia,e ai golf di Missoni.
Sinceramente preferisco quello folgorante degli anni 60.

Anonimo ha detto...

Concordo con il fatto che le Sorelle Bandiera non erano affatto volgari e non facevano pensare ad "altre cose"... Ero piccolo ma mi ricordo che facevano veramente divertire!
In fondo tutti i grandi vestiti da donna facevano ridere!
Gli uomini di spettacolo attuali vestiti da donna fanno... piangere!
E poi siamo troppo maliziosi!

LucaF

Verdier il Vampiro ha detto...

Per Fab :

"la musica che posti e' downlodabile"

No.

Anonimo ha detto...

perfetto, grazie comunque per le informazioni.
Fab

Carmelo Pugliatti ha detto...

Mi sembra di ricordare "Con un colpo di bacchetta".
Se non rammento male lo trasmettevano di lunedì pomeriggio.
Fiammetta Flamini era una delle tante ragazze carine che facevano da vallette tra la fine dei settanta e l'inizio degli ottanta: come erano diverse dalle veline,letterine,schedine,ecc attuali!
Non ne faccio certo un discorso moralistico; noto che propio erano un altra cosa..le ragazze della porta accanto,le compagnie di scuola (o per lo meno l'immagine era quella).
Ho nostalgia di ragazze così: stasera in TV ho rivisto una mia vecchia "cottarella" televisiva di quando era ragazzino: Edy Angelillo.
Sono contento di aver constatato che il tempo con lei è stato lieve e gentile;le ha appena posato un bacio sulla guancia.
Chissà che fine ha fatto Fiammetta Flamini!

L ha detto...

Fatti Più In Là is a surprisingly fun tune and I like the harmonies. I'd like to hear the difference if it had been recorded 10 years earlier.

simone ha detto...

Fiammetta Flamini? ho un vago ricordo della sigla televisiva "Fuoco Fuoco" che apriva la trasmissione "Piccoli Fans" ...che se non ricordo male era presentato sempre da Lei, nella prima ed unica stagione del dopo Milo.

Dopo Piccoli Fans credo non abbia piu' combinato nulla.

Cesare Borr. ha detto...

No, Simone: la serie di "Piccoli fans" condotta Fiammetta Flamini venne PRIMA della celebre, quanto insopportabile congerie di edizioni condotte dall'ineffabile Sandrocchia, rovinatasi proprio allora anche a causa di alcune protezioni politiche non proprio "raccomandabili".

Sde ha detto...

Fiammetta Flamini me la ricordo alternata a Marta Flavi come annunciatrice dei programmi di "Quinta Rete", all'epoca una nota TV locale di Roma con sede al Labaro, verso la fine degli anni '70...